Benvenuti al Rifugio del Gruppo Alpini di Vesio Passo Nota – Tremosine

Staff Rifugio
Staff Rifugio
Territorio
Cenni Storici
Ristorazione

APERTURA RIFUGIO 2020

Stagione 2020

30 maggio [*] – 20 ottobre (9:30 – 18:00)

[*] NOTA: All’inizio della stagione il rifugio sarà aperto solo il sabato e la domenica; nel prosieguo l’apertura sarà tutti i giorni.

Stante l’incertezza che, a causa dell’emergenza Covid-19, caratterizza la gestione di tutti i rifugi alpini,

si suggerisce di verificare in anticipo le normali condizioni di apertura.

Piergiacomo: +39 333 4336157 dalle 8.00 alle 17.00

Andreino: +39 335 6456805 dalle 17.00 in poi

Il portico

La tavernetta

Il bar

Il focolare

Il piccolo Museo

Cimeli della Grande Guerra (utensili, armamenti, effetti personali) rinvenuti in loco ed in altre zone dell’alto Garda dal Gruppo Ricerca (Maderno-BS), associazione capitanata da Paolo Campanardi, da sempre Amico degli Alpini.

L’ “Executive Chef”

La nuova cucina

I Segni della Storia

“QUI O MORIREMO TUTTI O NON PASSERANNO”
Tenente Giuseppe Cippeli - Passo Nota 31 Ottobre 1917

Il passo Nota, definito dal canonico Tiboni “di somma importanza, siccome l’unico per terra di tutta la Riviera di Salò pel Trentino” (1862), fu utilizzato nei secoli come corridoio transito di uomini ed eserciti. Tra i combattimenti che qui si svolsero, ricordiamo nel 1848 il ferimento di Carlo Pisacane e nel 1866 l’attacco dei Volontari di Garibaldi prima della battaglia di Bezzecca.

Negli anni tra il 1915 e il 1918, il confine di Nota fu uno dei punti nevralgici della prima linea difensiva italiana. Si lavorò a lungo per realizzare trincee, infermerie, baracche per i comandi militari e per le truppe: opere le cui tracce si possono ritrovare ancora oggi in buono stato di conservazione. I caduti su questa zona di fronte furono in parte sepolti nel piccolo cimitero militare, restaurato nel 1974 a cura degli Alpini di Vesio.

Grazie al loro impegno, anche l’edificio che ospitava la caserma della Guardia di Finanza è stato recentemente recuperato ed adibito a rifugio.

I sapori della tradizione sul confine storico della Grande Guerra

Tagliere di salumi, formaggio e vino

In un ambiente caloroso e conviviale gestito dal Gruppo Alpini di Vesio la ristorazione del Rifugio offre i piatti della cucina tradizionale. Accanto ai formaggi e salumi tipici, si possono gustare la rinomata polenta cùsa (solo di domenica) e lo spiedo (su prenotazione).